Open Fiber: cos’è e come capire se è già arrivato a casa vostra

Open Fiber: cos’è e come capire se è già arrivato a casa vostra

Negli ultimi in Italia si è allargato il digital divide che allontana sempre di più le grandi città dai paesi medi e piccoli. Le grandi aziende che si occupano di connessioni Internet infatti, non hanno mai trovato conveniente aggiornare le proprie infrastrutture. Questo avviene soprattutto in presenza di comuni come poche migliaia di abitanti o frazioni lontane dal centro città. Per nostra fortuna, grazie alla nascita del consorzio Open Fiber, questa pratica sarò presto dimenticata.

Che cos’è Open Fiber?

Se non avete mai sentito il nome di questa azienda, è assolutamente probabile che vi stiate chiedendo cosa sia Open Fiber. Il suo arrivo infatti, ha dato e darà una marcia in più alla connettività del nostro paese. Questa società è nata nel dicembre 2015 con la volontà di realizzare le nuove infrastrutture che consentiranno a circa 10 milioni di abitazioni di avere accesso alla connessione tramite fibra ottica. La struttura amministrativa vede la partecipazione al 50% di Enel, che tutti conoscete e di Cdp Equity.

Quest’ultima è una società per azioni controllata al 97% da Cassa depositi e prestiti, che è solita acquisire quote nelle imprese di rilevante interesse nazionale.


Open Fiber

Da quello che vi abbiamo appena detto quindi, è facile capire come il progetto Open Fiber, sebbene non sia portato avanti direttamente dallo Stato Italiano, abbia subito una grande spinta espansiva anche su questo fronte, proprio per aggiornare un’infrastruttura delle telecomunicazioni ormai superata.

Come funziona la connessione Open Fiber

A differenza di ciò che si è portati a pensare, l’organizzazione di Open Fiber è diversa da quella dei classici provider con cui avete già sottoscritto un abbonamento Internet in passato. La società infatti, su incarico dei comuni, provvede ai lavori per la realizzazione della rete Internet. In questa parte possono sono comprese la posa dei cavi, l’installazione delle centraline e dei cabinet. Dopo questo passaggio, una volta che la rete sarà attivata, saranno le aziende storiche del servizio a portare a sottoscrivere con voi un contratto.

Da questo ne deriva che avrete sempre a che fare con gli operatori Internet tradizionali, sfruttando però un’infrastruttura nuova e sottoposta a una manutenzione costante. Se nel vostro comune o nella vostra frazione i lavori vengono svolti nella loro interezza da Open Fiber, avrete la possibilità di utilizzare la tecnologia FTTH che consente velocità massime di 100 Mb in upload di 1 Gb in download.

Open Fiber

Se invece le cablature di Open Fiber dovessero arrivare solo fino agli armadi adibiti a smistare la connessione alle singole abitazione, avrete a che fare con una fibra misto rameSi tratta di una connessione meno performante ma che consente comunque di navigare con 20 Mb in upload e 200 Mb in download. Nella peggiore delle ipotesi invece, quella che vede la presenza di una rete totalmente in rame, la velocità di connessione sarà limitata a 1 Mb in upload e 20 Mb in download, rimanendo nella classe ADSL.

Come verificare la disponibilità di Open Fiber

Nei grandi centri urbani italiani la rete realizzata da Open Fiber è già (almeno in alcuni casi) funzionante. Il piano di espansione però prevede di raggiungere anche i comuni minori. Sul sito della società è infatti disponibile la mappa del piano strutturaleQui potrete vedere tutti i cantieri aperti o in apertura per portare la connessione in fibra ottica presso la vostra abitazione.

Open Fiber

Come potete vedere i cantieri di sviluppo delle infrastrutture sono davvero tantissimi e coprono tutta la penisola. Unica eccezione è al momento la Sardegna. Qui infatti non sono stati ancora siglati accordi con l’amministrazione locale che sono però in fase di definizione.

Nel caso vogliate verificare se il vostro domicilio sarà raggiunto da Open Fiber, i passaggi da eseguire sono davvero semplici.

  • Recatevi nella home del sito ufficiale. Qui troverete il banner “Scopri se la fibra ottica è arrivata a casa tua”.

Open Fiber

  • Inserite il vostro comune di residenza, la via o piazza e il numero civico negli appositi campi, dopo di che premete “Cerca”.
  • In pochi secondi riceverete la risposta alla vostra domanda. Se il vostro indirizzo è già stato cablato vi verrà detto con quale tecnologia fra quelle disponibili, altrimenti verrete reindirizzati a un form da compilare per ricevere maggiori informazioni sulle tempistiche dei lavori.

Open Fiber

Per quanto riguarda gli accordi con gli operatori invece, non dovete temere. Oltre a quelli più conosciuti come Vodafone o Fastweb, Open Fiber lavorerà in partnership anche con molti provider locali. Per concludere ci teniamo a precisare che, sebbene i lavori siano ancora incompleti nella maggior parte delle località segnalate sulla mappa interattiva, nel corso del 2019 tantissime reti e infrastrutture dovrebbero essere completate e pronte per l’utilizzo.

ReteUP è una piccola e nuova realtà, se l’articolo vi è piaciuto metteteci un like, per voi è solo un click ma per noi è importante.

Fateci sapere cosa ne pensate del nostro articolo
[media: 3 voto: 5]