Bloccare la pubblicità su Android senza root

Bloccare la pubblicità su Android senza root

Gran parte delle app Android e molti siti WEB si sostengono con le pubblicità: se queste sono ben piazzate e permettono di godere appieno dei contenuti non danno fastidio e sono accettate di buon grado. Diversa è la situazione quando, purtroppo, sono invasive e bloccano la navigazione o la piena fruizione della app. Questo scenario purtroppo è sempre più frequente e ha visto tantissimi utenti cercare una soluzione per non dover sopportare l’invasività dei banner presenti su siti web e applicazioni. In questo articolo quindi, vi parleremo di come bloccare la pubblicità su Android anche senza avere i privilegi di root. Si tratta di una soluzione davvero pratica se non volete sbloccare il bootloader del vostro dispositivo, operazione che nella maggior parte dei casi invalida la garanzia dello smartphone.

Bloccare la pubblicità su Android tramite browser

Il metodo più semplice per bloccare la pubblicità su Android, anche se non si hanno i permessi di root, è di utilizzare uno degli innumerevoli browser a vostra disposizione. Spesso infatti è sufficiente utilizzare le addons appropriate per risolvere questo problema anche se, alcune applicazioni, integrano un blocco delle pubblicità nativo che vi facilita notevolmente il compito.

Se vuoi capire come bloccare pubblicità su Android quindi, non dovete fare altro che utilizzare uno dei tanti browser gratuiti a vostra disposizione.


Chrome: niente addons ma una soluzione alternativa

Chrome è senza dubbio il browser più utilizzato sui dispositivi Android e non solo. Questa applicazione infatti, si è notevolmente evoluta rispetto al passato, incontrando sia il favore degli utenti che degli addetti ai lavori. Utilizzare Chrome per navigare online permette infatti di usufruire di un’esperienza completa e senza limiti. Non va sottovalutato inoltre che questo browser è installato di default sulla maggior parte dei dispositivi, risultando quindi il più utilizzato anche dagli utenti alle prime armi.

DOWNLOAD | CHROME BROWSER

Purtroppo, a differenza di molte alternative presenti sul Play Store e della versione desktop, Chrome per Android non permette di utilizzare gli addons ma dà comunque la possibilità di tagliare nettamente le pubblicità con un’opzione alternativa.

  • Aprite Chrome e fare tap sui 3 puntini in alto a destra. Nel menu che si apre selezionate le impostazioni. Nella schermata che comparirà sul display selezionate la voce impostazioni sito che si trova quasi al termine della pagina.
  • Adesso vi troverete di fronte a un nuovo menu dove dovrete fare tap su annunci per poi deselezionare la spunta in alto a destra che di default è attivata.

Bloccare la pubblicità su Android con Firefox

Uno dei maggiori vantaggi degli smartphone con a bordo il sistema operativo di Google è di poter contare su un parco applicazioni davvero completo e senza limiti. Proprio per questo motivo, la prima cosa dovrete fare, sarà quella di scaricare il browser Firefox dal Play Store, in maniera del tutto gratuita.

DOWNLOAD | FIREFOX ANDROID

Una volta installata l’applicazione, per bloccare le pubblicità su Android, avrete bisogno di un’estensione che si chiama Ublock Origin ed è facilmente scaricabile attraverso questo link. Ovviamente dovrete effettuare il download utilizzando direttamente Firefox, altrimenti l’installazione non andrà a buon fine.

 

DOWNLOAD | UBLOCK FIREFOX

Dopo aver eseguito l’installazione di Ublock Origin, l’estensione è già attiva e non dovrete far altro che personalizzare le vostre preferenze in modo facile e veloce navigando nelle impostazioni di Firefox, premendo su componenti aggiuntivi e facendo tap su Ublock Origin.

Kiwi Browse: un’alternativa su misura

Se siete fra gli utenti che preferiscono avere una soluzione già pronta all’uso per bloccare la pubblicità su Android, allora dovete necessariamente conoscere Kiwi Browser. Si tratta per l’appunto di un browser gratuito che integra al suo interno un adblocker e che potete scaricare gratuitamente da questo link.

DOWNLOAD | KIWI BROWSER

Bloccare la pubblicità su Android anche nelle app

Fra le applicazioni disponibili per Android ce ne sono davvero tantissime offerte gratuitamente. Queste però, spesso richiedono di visualizzare pubblicità sotto forma di banner o di video. Tenete sempre presente che, se vi piace l’applicazione che state utilizzando, quelle pubblicità servono allo sviluppatore per monetizzare senza far ricadere su di voi il costo dello sviluppo. Se volete comunque bloccare questi fastidiosi annunci però, esiste una soluzione che vi permetterà di farlo anche se non avete i permessi di root.

La soluzione ai vostri bisogni si chiama Blokada e permette di bloccare la pubblicità su Android sia durante la navigazione che nell’utilizzo delle app. Per scaricare Blokada dovrete recarvi sul sito ufficiale. Dopo di che scaricate il file .apk ricordandovi di attivare l’opzione origini sconosciute dalle impostazioni.

DOWNLOAD | BLOKADA

Se non sapete come abilitare le origini sconosciute, vi basterà recarvi in impostazioni per poi selezionare la voce sicurezza e attivare la relativa opzione. La procedura può cambiare leggermente a seconda del modello di smartphone che utilizzate ma rimane comunque molto simile su tutti i brand attualmente in vendita.

Il procedimento per utilizzare Blokada e scoprire come bloccare la pubblicità su Android è davvero molto semplice.

  • Avviate Blokada facendo tap sull’icona dell’applicazione. Una volta entrati nella home fate click sul simbolo di accensione che è presente in fondo alla pagina.
  • Adesso premete il tasto ok per permettere all’applicazione di stabilire una connessione VPN, permettendovi così di bloccare la pubblicità su Android. Una volta attivata l’applicazione cambierà colore diventando arancione e per disattivare il servizio non dovrete fare altro che premere lo stesso pulsante che avete utilizzato per avviarlo.

Ora finalmente sapete come bloccare la pubblicità su Android e nulla potrà fermare i vostri intenti. I metodi che vi abbiamo proposto permettono davvero a tutti gli utenti di portare a compimento questa piccola impresa senza premessi di root attivati.

ReteUP è una piccola e nuova realtà, se l’articolo vi è piaciuto metteteci un like. Per voi è solo un click ma per noi è importante